PK, il leggendario papero mascherato torna su Topolino 3437 con Zona Franca, un’inedita avventura celebrativa in due tempi, ideata da Alessandro Sisti e Lorenzo Pastrovicchio

Continuano le celebrazioni per i venticinque anni di PK, con “Zona Franca“, una nuova storia inedita che verrà proposta ai lettori su Topolino #3437. La storia sarà ambientata nel passato di Paperinik, esplorando come avvenuto sul numero 3407.

“Per motivi non esattamente professionali, il giornalista Angus Fangus è convinto che nella zona della centrale elettrica stia accadendo qualcosa di losco… di sicuro, il quartiere sta subendo dei grandi cambiamenti, e il principale è rappresentato da una nuova costruzione, l’Hotel Avvenire. Qui convergeranno anche l’agente-androide Lyla Lay e Pikappa.  Anche per questa volta, dunque, la parola “routine” per il nostro eroe non esiste!”

PK topolino zona franca

“Zona Franca” di PK torna su Topolino: le parole degli autori

Sono passati 25 anni, è vero, ma per me lavorare a una nuova avventura di PK dà sempre delle grandissime emozioni” commenta Lorenzo Pastrovicchio. “Dagli anni Novanta a oggi ho perso il conto delle storie che ho disegnato con lui protagonista… Insomma, ci conosciamo molto bene io e il Pikappero!”. Alessandro Sisti, su questa nuova avventura, invece, aggiunge: “L’importante è sempre far divertire e appassionare i PKers vecchi e nuovi. Io ce la metto tutta e spero che ci riuscirà anche questa storia”.

Ma non è tutto. Nei due numeri 3437 e 3438 i lettori potranno ottenere un fantastico gadget a tema PK, il PK Robot.

PK topolino zona franca

“Per rendere davvero interattiva la lettura di Zona Franca, Topolino presenta PK Robot, il grande alleato per combattere gli Evroniani! Disponibile con i numeri 3437 e 3438, PK Robot nasce dai disegni e dagli studi di Lorenzo Pastrovicchio ed è un gadget davvero imperdibile: è alto 15 centimetri ed è dotato di sparamissili posteriori, braccio rotante e tantissimi accessori”.

Il nuovo numero sarà disponibile a partire da Mercoledì 6 Ottobre.

Genovese, classe 1988. Laureato in Scienze Storiche, Archivistiche e Librarie, Federico dedica la maggior parte del suo tempo a leggere cose che vanno dal fantastico estremo all'intellettuale frustrato. Autore di quattro romanzi scritti mentre cercava di diventare docente di storia, al momento è il primo nella lista di quelli da mettere al muro quando arriverà la rivoluzione letteraria e il fantasy verrà (giustamente) bandito.