Sony ha deciso di cambiare il sistema dei trofei su PlayStation, spiegandone il nuovo funzionamento sul proprio blog.

Introdotti per la prima volta su PlayStation 3, i trofei sono stati una delle caratteristiche che la community ha più apprezzato, con tanti veri e propri collezionisti che hanno passato ore e ore cercando di ottenere questo o quel riconoscimento più o meno raro: Sony ha ora deciso di cambiarne il sistema, svecchiandolo un po’.

Tramite un post sul proprio blog, l’azienda giapponese ne ha svelato il nuovo funzionamento: innanzitutto cambia il sistema di calcolo dei livelli. Fino ad ora infatti il sistema prevedeva la possibilità di raggiungere fino al livello 100, mentre adesso il cap è stato spostato a 999, ricalcolando quello raggiunto dagli utenti fino a questo momento.

Come esempio, la stessa Sony dice che se il livello dei trofei di un utente è 12, con il nuovo sistema si troverà poco sopra il livello 200. Quello esatto poi dipenderà dal numero di trofei guadagnati e dalla loro classificazione. Tranquilli però, non ci saranno modifiche ai trofei già ottenuti né ai loro requisiti di sblocco.

Ad ogni tipologia di trofeo è stato assegnato un punteggio, che potete vedere nella tabella di seguito:

playstation trofei

Cambierà inoltre anche l’icona del livello dei trofei, che non sarà più una stella dorata, ma sarà un simbolo di un trofeo di bronzo, argento, oro o platino a seconda del livello:

●             Bronzo: livelli 1 – 299
●             Argento: livelli 300 – 599
●             Oro: livelli 600 – 998
●             Platino: livello 999

Le icone saranno inoltre leggermente diverse per indicare visivamente quanto il giocatore è vicino a raggiungere il livello successivo.

Ovviamente i trofei conquistati saranno trasferiti senza problemi su PS5 e saranno visibili anche sui vecchi sistemi, sull’app e su My PlayStation. Il nuovo sistema dovrebbe essere già attivo: l’avete provato? Che livello avete raggiunto? Vi piace o preferivate il vecchio modello?

(Fonte: PlayStation Blog)

Diplomato al liceo classico e all'istituto alberghiero, giusto per non farsi mancare niente, Gabriele gioca ai videogiochi da quando Pac-Man era ancora single, e inizia a scriverne poco dopo. Si muove perfettamente a suo agio, nonostante l'imponente mole, anche in campi come serie TV, cinema, libri e musica, e collabora con importanti siti del settore. Mangia schifezze che lo fanno ingrassare, odia il caldo, ama girare per centri commerciali, secondo alcuni è in realtà il mostro di Stranger Things. Lui non conferma né smentisce. Ha un'inspiegabile simpatia per la Sampdoria.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui