Ecco chi sarà il regista della serie Netflix di Sandman

La serie tv di Sandman ha finalmente un regista: sarà Toby Haynes a dirigere lo show di Netflix ispirato al fumetto di Neil Gaiman.

Haynes in passato ha lavorato su show di spessore come Black Mirror, Doctor Who e Being Human, firmando anche alcuni episodi di Sherlock.

Al momento non si sa ancora molto sullo show. L’ultimo aggiornamento è stato fornito dallo stesso Gaiman durante una recente intervista: l’autore già in passato aveva dichiarato che sarebbe stato tra i curatori di una serie Netflix da 11 episodi, ma il coronavirus ha cambiato i programmi in parte, costringendo lo show, così come praticamente tutti i prodotti televisivi e cinematografici, a uno stop forzato.

sandman regista serie netflix

Nello specifico le riprese avrebbero dovuto iniziare alla fine di Maggio. I lavori stanno comunque procedendo, come racconta l’autore:

“Stiamo lavorando con Netflix, avremmo dovuto girare a Maggio ma dato il covid è tutto in pausa. La versione di Netflix inizierà nel 2021, così Morfeo sarà stato tenuto prigioniero per 105 anni anziché 79. Faremo così, vediamo come viene. È già scritto nella sceneggiatura, e contiene risvolti interessanti: ad esempio, se stessimo creando questo personaggio oggi, che genere avrebbe? Se stessimo creando tutti i personaggi ora, chi sarebbero? Cosa farebbero? Partiremo da lì.”

Già in passato, ad esempio, Gaiman aveva detto di voler coinvolgere sceneggiatori e scrittori trans: “La mia più grande richiesta per lo showrunner di Sandman per quando arrivaremo alla stagione con A Game of You, è di avere uomini e donne transessuali tra gli scrittori. Non come consulenti, ma proprio come scrittori. Mi affascina l’idea di vedere che storie creerebbero con questi personaggi” aveva detto l’autore.

Sandman parla delle avventure di Sogno (Morpheus), fratello di Morte, che riesce a fuggire e tornare nel mondo reale dopo essere stato imprigionato per anni, e inizia un percorso per recuperare i suoi artefatti rubati e riprendersi i poteri.

(fonte: ComicBook.com)

No more articles