Sex Education: ci sarà una terza stagione della serie Netflix?

Sex Education 2 è su Netflix dal 17 gennaio 2020, ma i fan che l’hanno già divorata iniziano a chiedersi se ci sarà una terza stagione, e quando.

La prima stagione, arrivata sulla piattaforma nel 2019, ha avuto un incredibile successo di pubblico, tanto da non lasciare altra possibilità a Netflix se non quella del rinnovo: ma cosa accadrà ora? Sarà la stessa cosa?

Al momento la piattaforma di streaming non si è ancora sbilanciata, ma i rumors ci indicano che è altamente probabile che vedremo una terza stagione di Sex Education, e questo sembra essere confermato (o forse auspicato) tra le righe anche dalla creatrice della serie, Laurie Nunn, che ne ha parlato in una serie di interviste.

sex education 3

Parlando con Hollywood Reporter infatti ha detto:

“Se ci sarà Sex Education 3 lo scopriremo solo dopo la seconda stagione, ma credo proprio che questi personaggi vadano avanti con le proprie gambe. Io penso che potrei fare qualcosa di più con loro, qualora mi venga data la possibilità, e del resto Netflix vuole davvero che raccontiamo le storie che ci appassionano. Siamo tutti sulla stessa lunghezza d’onda, vogliamo fare lo stesso show.”

E l’ha confermato anche alla stampa britannica, precisamente a Lad Bible:

“Ho iniziato a scrivere la terza serie, ma questa è solo una parte normale del processo perché lavoriamo con ritmi molto serrati, e devo ricordare che la terza stagione non è ancora stata approvata o ufficialmente commissionata. Non scopriremo se avremo una terza stagione fino alla fine di gennaio, quindi incrociamo le dita!”

Non ci resta quindi che aspettare ancora un po’ per sapere se vedremo su Netflix la terza stagione di Sex Education, o le avventure di Otis e del suo gruppo di amici termineranno qui.
Di certo tutti i fan della serie si augurano la prima ipotesi.

Nato e cresciuto a Roma, sono il Vice Direttore di Stay Nerd, di cui faccio parte quasi dalla sua fondazione. Sono giornalista pubblicista dal 2009 e mi sono laureato in Lettere moderne nel 2011, resistendo alla tentazione di fare come Brad Pitt e abbandonare tutto a pochi esami dalla fine, per andare a fare l'uomo-sandwich a Los Angeles. È anche il motivo per cui non ho avuto la sua stessa carriera. Ho iniziato a fare della passione per la scrittura una professione già dai tempi dell'Università, passando da riviste online, a lavorare per redazioni ministeriali, fino a qui: Stay Nerd. Da poco tempo mi occupo anche della comunicazione di un Dipartimento ASL. Oltre al cinema e a Scarlett Johansson, amo il calcio, l'Inghilterra, la musica britpop, Christopher Nolan, la malinconia dei film coreani (ma pure la malinconia e basta), i Castelli Romani, Francesco Totti, la pizza e soprattutto la carbonara. I miei film preferiti sono: C'era una volta in America, La dolce vita, Inception, Dunkirk, The Prestige, Time di Kim Ki-Duk, Fight Club, Papillon (quello vero), Arancia Meccanica, Coffee and cigarettes, e adesso smetto sennò non mi fermo più. Nel tempo libero sono il sosia ufficiale di Ryan Gosling, grazie ad una somiglianza che continuano inspiegabilmente a vedere tutti tranne mia madre e le mie ex ragazze. Per fortuna mia moglie sì, ma credo soltanto perché voglia assecondare la mia pazzia.