Dopo la sfuriata di Tom Cruise sul set di Mission Impossible, alcuni addetti ai lavori si sono licenziati

Nei giorni scorsi vi abbiamo raccontato della sfuriata di Tom Cruise sul set di Mission Impossible 7, che però rischia seriamente di diventare un boomerang per il film, dato che alcuni membri dello staff sembra si siano licenziati in seguito allo sfogo dell’attore.

Alcune testate stanno infatti facendo emergere dei particolari su quanto accaduto sul set, e sembra che la sfuriata di Tom Cruise divenuta poi pubblica nelle scorse ore, non fosse soltanto la prima.

L’attore se l’era presa con due membri dello staff che non avevano rispettato le distanze di sicurezza previste dalle misure anti-covid. Lo sfogo è stato piuttosto pesante, con Tom Cruise che ha usato un linguaggio decisamente colorito, e ha minacciato di licenziare chi venisse sorpreso nuovamente in comportamenti poco rispettosi delle regole.

tom cruise sfuriata set

Stando a quanto riportato, alcune fonti non hanno apertamente preso le parti dell’attore, seppure ne abbiano capito le intenzioni. Ecco una delle dichiarazioni riportate: “Il primo sfogo è stato bello forte, ma le cose non si sono calmate da allora. La tensione si è andata accumulando per mesi, e questa è stata semplicemente la goccia finale. Da quando è diventata pubblica poi, c’è stata ancora più rabbia, e diversi membri dello staff se ne sono andati. Ma Tom non ne poteva più dopo tutto quello che hanno fatto per continuare a filmare. Gli dà fastidio che gli altri non prendano la cosa seriamente come lui. Alla fine è lui che tira la carretta”.

A parlare però è stato anche Spencer MacDonald, del sindacato del mondo dell’intrattenimento, Bectu, che ha puntato il dito proprio contro l’attore: “Dopo un anno così difficile per i lavoratori freelance dell’industria, l’ultima cosa che la troupe ha bisogno è una star multimilionaria di Hollywood che gli urla contro e minaccia di fargli perdere il lavoro”.

Insomma, l’ambiente sul set di Mission Impossible 7 sembra davvero tutt’altro che sereno. Speriamo che le cose riescano a calmarsi definitivamente.

(Fonte: The Sun)

Diplomato al liceo classico e all'istituto alberghiero, giusto per non farsi mancare niente, Gabriele gioca ai videogiochi da quando Pac-Man era ancora single, e inizia a scriverne poco dopo. Si muove perfettamente a suo agio, nonostante l'imponente mole, anche in campi come serie TV, cinema, libri e musica, e collabora con importanti siti del settore. Mangia schifezze che lo fanno ingrassare, odia il caldo, ama girare per centri commerciali, secondo alcuni è in realtà il mostro di Stranger Things. Lui non conferma né smentisce. Ha un'inspiegabile simpatia per la Sampdoria.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui