Ubisoft annuncia la pubblicazione di cinque tripla A entro marzo 2021 e in rete arrivano le prime ipotesi relative ai franchise coinvolti

Come ogni anno, in questo periodo, i grandi nomi dell’industria videoludica si ritrovano a tirare le somme dei risultati ottenuti nel corso dell’ultimo anno fiscale. Settimana scorsa abbiamo parlato di Electronic Arts e dei suoi piani per il futuro e oggi parliamo di Ubisoft, che ha in programma la pubblicazione di ben cinque nuovi tripla A entro marzo 2021.

Tra questi possiamo già depennarne tre già annunciati e in arrivo nei prossimi mesi, nonché tutti e tre recentemente rinviati. Stiamo parlando di Watch Dogs Legion, Gods & Monsters e Rainbow Six Quarantine, tutti e tre in arrivo tra il prossimo primo aprile e il 31 marzo del 2021.

Se da un lato abbiamo alcune conferme grazie a quanto dichiarato dal CEO di Ubisoft, Yves Guillemot, durante la riunione con gli azionisti, dall’altro sorgono diversi interrogativi legati agli ultimi due giochi non ancora annunciati.

ubisoft cinque tripla a

Stando a quanto detto da Guillemot, tre dei cinque titoli saranno pubblicati per terzo quarto del prossimo anno fiscale, dunque tra ottobre e dicembre di quest’anno, un periodo particolarmente caldo considerato il lancio delle due console next-gen di casa Sony e Microsoft.

Gli altri due titoli, invece, dovrebbero arrivare nel corso dell’ultimo quarto, dunque tra gennaio e marzo del prossimo anno e se Watch Dogs Legion, Gods & Monsters e Rainbow Six Quarantine sono stati confermati come titoli cross-gen, nulla si sa ancora in merito ai due giochi non ancora annunciati e, visto il presunto periodo di lancio, è altamente probabile che sbarcheranno solo su PlayStation 5 e Xbox Series X.

Al momento ogni ipotesi è valida e, tra le tante, risulta particolarmente interessante quella formulata da Jason Schreier di Kotaku. Secondo quanto riporta il noto editor sul proprio profilo twitter ufficiale, i due tripla A ancora avvolti dal mistero, non sono altro che il prossimo Assassin’s Creed (forse il tanto rumoreggiato Assassin’s Creed Ragnarok) e un nuovo Far Cry.

Se così fosse, come continua anche Schreier, le speranze di tutti i fan di Splinter Cell di tornare a vedere Sam Fisher sulle proprie console, risulterebbero vane… per il momento almeno. La nuova generazione videoludica è alle porte e chissà cosa potrà portare in futuro.

 

No more articles