Warner Bros Games esortata dai propri impiegati a prendere una posizione nei confronti delle idee di J. K. Rowling

Mentre la popolarità di Harry Potter continua ad essere stellare, quella della sua autrice, J. K. Rowling è probabilmente ai minimi storici: ricorderete infatti i tweet che esplicavano le posizioni trans-escludenti della scrittrice, che le sono valse moltissime critiche, tanto che perfino Warner Bros Games è stata chiamata in causa per via del gioco Hogwarts Legacy, con i fan che si aspettavano una presa di posizione netta dell’azienda.

Qualche settimana fa è stato infatti annunciato il nuovo gioco di ruolo basato sul franchise del Maghetto più famoso del mondo, che però per la verità non avrà nulla a che fare con J. K. Rowling: la storia è ambientata nel 1800, e l’autrice non è coinvolta in nessun modo nello sviluppo del gioco, per cui le spetteranno solamente una parte dei guadagni ricavati dalle vendite delle copie.

warner bros games rowling

Ciò nonostante però, sembra che gli stessi impiegati dell’azienda avrebbero preferito vedere i vertici di Warner prendere le distanze nei confronti delle posizioni espresse dalla scrittrice, tanto da aver posto la domanda in un Q&A con David Haddad, presidente della sezione.

Ne ha parlato Jason Schreier su Twitter, citando lo stesso Haddad, che ha detto:

“Non c’è molto da commentare, ma visto che abbiamo avuto così tante domande, voglio rispondere al meglio possibile, facendo eco alle parole dei nostri senior executive. JK Rowling è la creatrice di Harry Potter e noi stiamo dando vita a quel franchise attraverso Portkey, ma è anche una privata cittadina. E questo significa che ha il diritto di esprimere la sua opinione personale sui social media. Posso non essere d’acordo con lei, e posso non trovarmi d’accordo con le sue vedute su diversi argomenti, ma sono d’accordo sul fatto che abbia il diritto di mantenere la sua opinione.”

 

Più avanti nel Q&A, Haddad ha aggiunto che Warner Bros Games sta lavorando con diverse organizzazioni LGBTQ, per ribadire il suo impegno a favore dell’inclusività.

Che ne pensate delle sue parole?

 

No more articles