Gamora sarà protagonista di un episodio della seconda stagione di What If

L’ultimo episodio di Marvel’s What If è disponibile, ma quanto abbiamo visto potrebbe aver lasciato perplessi gli spettatori per un personaggio inedito, non visto all’interno della prima stagione: quello di Gamora con l’armatura di Thanos. Come ricorderete era emersa la notizia che uno degli episodi era stato spostato alla seconda stagione.

Alcune problematiche dovute ai tempi e ai rallentamenti subiti per colpa del Covid hanno costretto lo showrunner A.C. Bradley a spostare un episodio previsto per la prima stagione alla seconda. A farne le spese è quindi stata Gamora, che ha visto svanire la propria presenza in questa prima stagione, salvo qualche minuto nell’ultima puntata dello show.

Lo stesso Bradley ha spiegato come sia avvenuta la cosa, in una dichiarazione rilasciata ai microfoni di Variety nei giorni scorsi, confermando che questa versione di Gamora tornerà nella seconda stagione di Marvel’s What If.

what if gamora

Le parole di A.C. Bradley sulla seconda stagione di What If e il ritorno di Gamora

Alla domanda se la versione di Gamora vista nell’ultimo episodio avesse una storia alle spalle non ancora raccontata al pubblico, Bradley ha risposto affermativamente, dicendo quando segue.

“Decisamente sì. In sostanza, quel che è successo, è che originariamente avevamo pianificato un episodio per l’inizio della stagione che era un episodio divertente, spensierato, vivo, incentrato su Tony Stark con Gamora. Tuttavia, a causa della pandemia di COVID, una delle nostre case di animazione è stata colpita in modo incredibilmente duro e l’episodio è stato perciò spostato nella seconda stagione, perché non saremmo riusciti a finirlo in tempo”.

“Penso che tutti saranno sorpresi dal modo in cui Gamora ottiene quell’armatura e del modo in cui si evolve la sua relazione con Tony, perché sono ovviamente buoni amici quando li vediamo nel finale. Quindi sarà un universo divertente da vedere, si spera, l’anno prossimo, e penso che tu si possa vedere un lato positivo in tutto ciò. È la promessa di nuove storie in arrivo”.

(fonte)

Genovese, classe 1988. Laureato in Scienze Storiche, Archivistiche e Librarie, Federico dedica la maggior parte del suo tempo a leggere cose che vanno dal fantastico estremo all'intellettuale frustrato. Autore di quattro romanzi scritti mentre cercava di diventare docente di storia, al momento è il primo nella lista di quelli da mettere al muro quando arriverà la rivoluzione letteraria e il fantasy verrà (giustamente) bandito.