Arriva la consegna senza fretta di Amazon: tempi di consegna più lunghi, ma il cliente riceve un buono da 1 euro

Dopo aver annunciato le date dei Prime Day di quest’anno, previsti per il 13 e 14 Ottobre, Amazon ha fatto sapere di aver lanciato un altro servizio: la consegna senza fretta, che presenta alcuni vantaggi sia per il cliente sia per Amazon stessa.

Il colosso dell’e-commerce ci ha infatti abituati a consegne super rapide, sia stesso in giornata in alcune parti d’Italia, sia il giorno dopo l’acquisto, un’offerta che è addirittura inclusa nel prezzo dell’abbonamento ad Amazon Prime.

Questo nuovo tipo di consegna invece, allunga un po’ i tempi, con la spedizione che dovrebbe arrivare entro quattro giorni lavorativi. Come dicevamo, ci sono alcuni vantaggi scegliendo questo tipo di spedizione più lenta: il primo è quello di evitare di congestionare le spedizioni di Amazon, soprattutto nei periodi di massimo sforzo, come può essere il Natale, il Black Friday o, appunto, i Prime Day.

Il secondo è di natura economica: chi sceglie di utilizzare tale servizio infatti, riceverà un buono da 1 euro, che potrà essere speso in un ordine successivo (entro la mezzanotte dell’8 Gennaio, stando ai termini e condizioni del servizio), verso oggetti venduti e spediti da Amazon.

amazon consegna senza fretta

Dalla pagina dei termini e condizioni apprendiamo che il servizio per il momento ha una durata limitata, e sarà attivo fino al 12 Novembre. La nostra ipotesi è che si tratti di un esperimento da poi ripropore ciclicamente, nei periodi più “caldi” per lo shopping online.

Ci sono inoltre alcune limitazioni: è valida solo per i clienti Prime (niente Prime Student o Amazon Business Prime, o account di prova); sono esclusi alcuni prodotti, tra cui gli alimentari, quelli per la salute e la cura della persona, prima infanzia e sigarette elettroniche; la spesa complessiva infine deve superare i 10 euro escluse le spedizioni.

Che ne pensate di questo nuovo servizio? Utilizzerete la consegna senza fretta di Amazon?

 

 

Diplomato al liceo classico e all'istituto alberghiero, giusto per non farsi mancare niente, Gabriele gioca ai videogiochi da quando Pac-Man era ancora single, e inizia a scriverne poco dopo. Si muove perfettamente a suo agio, nonostante l'imponente mole, anche in campi come serie TV, cinema, libri e musica, e collabora con importanti siti del settore. Mangia schifezze che lo fanno ingrassare, odia il caldo, ama girare per centri commerciali, secondo alcuni è in realtà il mostro di Stranger Things. Lui non conferma né smentisce. Ha un'inspiegabile simpatia per la Sampdoria.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui