L’uscita di Black Widow? Per Scarlett Johansson dipende dai cinema

In una recente intervista Scarlett Johansson ha parlato dell’uscita di Black Widow e di quando sarà possibile vedere il film al cinema. L’attrice che interpreta Natasha Romanoff è stata abbastanza chiara su questo punto. Per lei l’uscita della pellicola è subordinata alla possibilità degli spettatori di andare nei cinema.

“Ho discusso la situazione con Kevin Feige e con i nostri colleghi produttori, cercando di capire quale fosse il panorama” ha spiegato l’attrice. “Siamo tutti desiderosi di far uscire il film.  Tuttavia, più importante di ogni altra cosa, è che tutti vogliamo che l’esperienza sia sicura. Che le persone siano in grado di sentirsi davvero sicure di stare sedute all’interno di un cinema chiuso”.

Insomma, come la Vice Presidente Esecutiva Victoria Alonso, anche Scarlett Johansson sostiene che la sua pellicola debba uscire al cinema. Ancora una volta viene ribatido che i film del Marvel Cinematic Universe sono fatti per il buio delle sale.

Con parte degli investitori di Disney che premono per la sua distribuzione via streaming, come avvenuto per Mulan e come annunciato per Soul, era inevitabile che l’argomento diventasse materia di discussione. Ma la sensazione generale è che la volontà, all’interno dei Marvel Studios, sia di fare in modo che questi film arrivino in sala. Sembra scongiurata, almeno per ora, una loro distribuzione su Disney Plus.

Vi ricordiamo che Black Widow sarebbe dovuto arrivare nelle sale cinematografiche, dopo un primo slittamento, il 6 Novembre. Tuttavia, a causa della pandemia di Covid-19, i vertici di Disney e Marvel decisero di posticipare l’uscita al 7 Maggio 2021.

Il film diretto da Cate Shortland, vedrà nuovamente Scarlett Johansson nei panni della protagonista, affiancata da Florence Pugh (Yelena Belova), David Harbour (Alexei Shostakov/Guardiano Rosso), O.T. Fagbenle (Rick Mason), William Hurt (Thaddesu “Thunderbolt” Ross), Ray Winstone (Dreykov) e Rachel Weisz (Melina Vostokoff/Iron Maiden).

(fonte: MarieClarie.com)

No more articles