Judgment riceve l’upgrade per Next Gen

Judgment non sarà più un esclusiva Ps4: il videogioco di SEGA si prepara ad approdare sulle console Next Gen: Ps5, Xbox Series X|S e Stadia.

L’annuncio è arrivato nelle scorse ore tramite un video rilasciato sul canale YouTube di SEGA Europe, che potete vedere qui di seguito.

“Rimasterizzato per le console di nuova generazione, l’acclamato thriller d’azione Judgment arriverà su PlayStation 5, Xbox Series X | S e Stadia il 23 aprile 2021. Unisciti al detective Takayuki Yagami mentre artiglia la criminalità sotterranea di Kamurocho nel tentativo di svelare la verità”.

Il gioco era stato motivo di discussione al momento di giungere sul mercato occidentale. SEGA aveva infatti sospeso temporaneamente la vendita e la pubblicizzazione del titolo dopo che l’attore Pierre Taki, che nel gioco interpretava il personaggio di Kyohei Hamura, era stato arrestato per detenzione e utilizzo di cocaina.

Il titolo era poi giunto sui mercati occidentali nel 2019, l’anno successivo al suo rilascio nel mercato giapponese, attirando su di sé riscontri positivi da parte di critica e pubblico. Potete leggere il nostro parere al riguardo cliccando sul seguente link.

Protagonista di Judgement è il detective Takayuki Yagami, impegnato in uno dei distretti più turbolenti del Giappone. Anche per questo Yagami di tanto in tanto ha bisogno di essere un po’ duro nelle sue indagini.

Il personaggio è un esperto di arti marziali autodidatta, capace di passare liberamente tra due stili unici – Tiger e Crane – per abbattere singoli punk o gruppi di teppisti. È anche un maestro delle armi di strada, da un modesto paio di bacchette, all’arma preferita del combattente di Kamurocho, la possente bicicletta. Dotato di un vasto repertorio di mosse finali dell’EX Action, Yagami potrebbe essere l’ex avvocato più pericoloso di tutto il Giappone!

La parola a voi lettori! Avete giocato a Judgment o approfitterete della sua uscita di Next Gen? Diteci cosa ne pensate con un commento!

Leggi anche:

 

Genovese, classe 1988. Laureato in Scienze Storiche, Archivistiche e Librarie, Federico dedica la maggior parte del suo tempo a leggere cose che vanno dal fantastico estremo all'intellettuale frustrato. Autore di quattro romanzi scritti mentre cercava di diventare docente di storia, al momento è il primo nella lista di quelli da mettere al muro quando arriverà la rivoluzione letteraria e il fantasy verrà (giustamente) bandito.