MADS MAX Mikkelsen: Hideo Kojima scherza su un possibile nuovo gioco con l’attore danese

La nuova pensata di Hideo Kojima sembra coinvolgere l’attore danese Mads Mikkelsen: un gioco chiamato MADS MAX. Almeno in teoria. Nei fatti si tratta di una battua che il visionario game designer ha condiviso sul suo account di Twitter, un tributo alla collaborazione con uno degli interpreti più rappresentativi del cinema degli ultimi anni e che ha prestato il suo volto anche per uno dei personaggio di Death Stranding.

“Ho un certo numero di idee su giochi che voglio creare con Mads come personaggio principale” ha scritto Kojima. “Una volta ne ho illustrata una allo stesso Mads. Ha ascoltato attentamente, ma quando gli ho detto il titolo è rimasto perplesso. Sembrava quasi pensasse stessi scherzando. Ma ero serio! Il titolo di lavorazione era “MADS MAX”.

kojima mikkelsen mads max 00

MADS MAX: scherzo di Kojima o nuova realtà post-apocalittica per Mikkelsen?

Se dobbiamo essere sinceri, ci è difficile capire se quello di Kojima sia effettivamentge uno scherzo o se alla fine ci sia in lui davvero la volontà di creare un gioco con protagonista Mads Mikkelsen in salsa “Mad Max”. Certo sarebbe interessante vedere l’attore danese rombare alla guida di un fuoristrada modificato sulle pianure alcaline dei deserti di George Miller. O qualcosa del genere.

Il gioco di parole, tuttavia, porta con sé anche la speranza, non così vana, che in futuro possa esserci una nuova collaborazione tra Kojima e Mads (Max…) Mikkelsen. Cosa ne pensate voi lettori? Vi piacerebbe vedere ricomposto questo duo nei videogiochi? Lasciateci un vostro commento!

Se l’articolo ti interessa leggi anche:

Genovese, classe 1988. Laureato in Scienze Storiche, Archivistiche e Librarie, Federico dedica la maggior parte del suo tempo a leggere cose che vanno dal fantastico estremo all'intellettuale frustrato. Autore di quattro romanzi scritti mentre cercava di diventare docente di storia, al momento è il primo nella lista di quelli da mettere al muro quando arriverà la rivoluzione letteraria e il fantasy verrà (giustamente) bandito.