Se i meno di 700 GB dell’SSD di PS5 non vi bastano più, Sony sta per aggiungere la possibilità di cambiarlo, ma ad alcune condizioni

Quasi nove mesi dopo l’uscita della console, Sony ha finalmente introdotto una caratteristica che i fan chiedevano a gran voce da tempo: la possibilità di cambiare l’SSD interno di PS5. Lo ha spiegato la stessa azienda giapponese in un nuovo post sul suo blog, rivelando anche quali saranno i requisiti per l’upgrade.

Al momento si tratta di una funzione utilizzabile solamente da una cerchia ristretta di utenti che sta provando la versione Beta, ed è possibile sostituire l’SSD interno della console con un altro SSD più capiente di tipo M.2. Tale feature sarà poi sbloccata per tutti gli utenti con un nuovo aggiornamento, che però per il momento non ha ancora una data d’uscita.

ps5 ssd interni

L’SSD standard di PS5, tolto lo spazio per il sistema operativo, dispone di “soli” 667.2 GB di spazio libero per installare giochi e app. Non esattamente tantissimo, se si considera che il solo Warzone, ad esempio, può arrivare ad occuparne oltre 200. In precedenza non c’era modo di aumentare lo spazio disponibile, per cui gli utenti erano chiamati a gestire il proprio spazio libero, spesso disinstallando i vari giochi una volta finiti.

Sony però ha anche avvertito che ci sono alcuni requisiti da soddisfare perché un SSD M.2 sia compatibile con PS5, che potete verificare direttamente sul sito ufficiale del colosso giapponese. Inoltre, le performance in termini di velocità di un SSD compatibile, potrebbero essere inferiori a quelle offerte dall’SSD interno “standard” della console.

Che ne pensate? Acquisterete un nuovo SSD per aumentare lo spazio interno disponibile per installare i giochi, o continuerete ad accontentarvi di quello “di serie”?

(Fonte: Dual Shockers)

Leggi anche:

Diplomato al liceo classico e all'istituto alberghiero, giusto per non farsi mancare niente, Gabriele gioca ai videogiochi da quando Pac-Man era ancora single, e inizia a scriverne poco dopo. Si muove perfettamente a suo agio, nonostante l'imponente mole, anche in campi come serie TV, cinema, libri e musica, e collabora con importanti siti del settore. Mangia schifezze che lo fanno ingrassare, odia il caldo, ama girare per centri commerciali, secondo alcuni è in realtà il mostro di Stranger Things. Lui non conferma né smentisce. Ha un'inspiegabile simpatia per la Sampdoria.