Chiude Quibi: il progetto multimilionario di Jeffrey Katzenberg finanziato dalle grandi major non ha funzionato

Come annunciato già negli scorsi mesi, Quibi chiude ufficialmente i battenti, segnando così la fine del progetto multimilionario di Jeffrey Katzenberg che non è riuscito ad entrare nei cuori e nelle abitudini degli appassionati.

L’app resterà sui dispositivi degli utenti che l’hanno installata finché questi ultimi non la cancelleranno, e in ogni caso già adesso non permette più di efettuare il login o di accedere ai contenuti di Quibi.

Il debutto di Quibi il 6 Aprile fu particolarmente sfortunato. Si tratta infatti di un nuovo modo di intendere l’intrattenimento, con contenuti originali dal minutaggio estremamente ridotto, e pensato per essere fruito via mobile durante gli spostamenti, ad esempio, tra casa e lavoro.

quibi chiude

Nonostante la presenza di massicci investimenti da parte di importanti aziende dell’intrattenimento (tra gli investitori c’erano Disney, NBCUniversal, WarnerMedia e ViacomCBS, per citare giusto qualche nome), e i nomi di attori hollywoodiani nelle produzioni originali, il progetto si è rivelato un fallimento, per diversi motivi.

Quibi ha infatti una concorrenza enorme composta da colossi come Disney+, HBO Max e Peacock, tutti lanciati più o meno in contemporanea. Lo stesso concetto di intrattenimento mordi e fuggi, da consumare all’aperto durante i tragitti, ha avuto le gambe tagliate dalla pandemia, e la gente ha preferito contenuti fruibili sulla TV del proprio soggiorno, piuttosto che sul proprio smartphone.

Senza contare che tra Instagram, Tik Tok, YouTube e le tantissime applicazioni social che praticamente tutti abbiamo installato sui nostri smartphone, a disposizione degli utenti ci sono già centinaia e centinaia di contenuti fruibili gratuitamente sul proprio dispositivo, che alla fine Quibi ha finito per essere quasi del tutto ignorato.

Che ne pensate della chiusura di Quibi? Eravate tra i suoi fruitori o non usavate il servizio?

(Fonte: Variety)

 

Diplomato al liceo classico e all'istituto alberghiero, giusto per non farsi mancare niente, Gabriele gioca ai videogiochi da quando Pac-Man era ancora single, e inizia a scriverne poco dopo. Si muove perfettamente a suo agio, nonostante l'imponente mole, anche in campi come serie TV, cinema, libri e musica, e collabora con importanti siti del settore. Mangia schifezze che lo fanno ingrassare, odia il caldo, ama girare per centri commerciali, secondo alcuni è in realtà il mostro di Stranger Things. Lui non conferma né smentisce. Ha un'inspiegabile simpatia per la Sampdoria.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui