Scompare a 85 anni il regista Robert Downey Sr, padre di Robert Downey Jr e apprezzato filmaker underground

Lutto nel mondo del cinema: è morto a 85 anni Robert Downey Sr, padre di Robert Downey Jr e di Allyson Downey e apprezzato regista indipendente, dopo una lunga battaglia contro il morbo di Parkinson. Il regista aveva fatto esordire i suoi figli nel film Pound all’età di cinque e sette anni.

Downey si era fatto notare nel 1969 con Putney Swope, adesso riconosciuto come un film decenni avanti rispetto all’epoca, che attaccava il capitalismo, la supremazia bianca e i ritratti razzisti e stereotipati effettuati da Hollywood. Altri suoi lavori sono Babo 73, Chafed Elbows e No More Excuses, che sono stati anche aggiunti alla Criterion Collection. Il suo ultimo film è Rittenhouse Square, un documentario sul parco pubblico di Philadelphia, che risale al 2005.

robert downey sr

Il regista tra l’altro è stato citato come una delle maggiori influenze di Paul Thomas Anderson, che aveva anche dato una parte a Robert Downey Sr in due dei suoi film: Magnolia e Boogie Nights – L’altra Hollywood.

Downey Sr non aveva un gran rapporto con Hollywood, descritta più volte come un pessimo posto, ed evitava di farsi vedere spesso in pubblico. Si era disintossicato dalla cocaina nel 1981 e aveva aiutato suo figlio a fare altrettanto, ed ora Robert Downey Jr è sobrio dal 2003. Curiosamente a dispetto della riluttanza del padre nei confronti dello showbusiness in generale, Robert Downey Jr è poi diventato il volto di punta del franchise di maggior successo di sempre, come il Marvel Cinematic Universe.

L’eredità del regista rimarrà ben custodita tra la Criterion Collection, la Biblioteca del Congresso, e le testimonianze di chi lo ha apprezzato.

(Fonte: Screen Rant)

Leggi anche:

Diplomato al liceo classico e all'istituto alberghiero, giusto per non farsi mancare niente, Gabriele gioca ai videogiochi da quando Pac-Man era ancora single, e inizia a scriverne poco dopo. Si muove perfettamente a suo agio, nonostante l'imponente mole, anche in campi come serie TV, cinema, libri e musica, e collabora con importanti siti del settore. Mangia schifezze che lo fanno ingrassare, odia il caldo, ama girare per centri commerciali, secondo alcuni è in realtà il mostro di Stranger Things. Lui non conferma né smentisce. Ha un'inspiegabile simpatia per la Sampdoria.