Alcuni sviluppatori veterani dell’industria videoludica, che hanno lavorato per colossi come Naughty Dog e EA, hanno fondato uno studio indipendente: That’s No Moon

Alcuni importanti nomi dell’industria videoludica, noti per aver lavorato come sviluppatori presso studi come Naughty Dog ed Electronic Arts, hanno fondato un proprio studio indipendente per titoli tripla A. Si tratta di That’s No Moon Entertainment, che sarà guidato dal CEO Michael Mumbauer, ex capo di Visual Arts Group, in seno a PlayStation.

Per il titolo di debutto, che sarà un action-adventure, la neonata azienda ha ottenuto un finanziamento di 100 milioni di dollari dagli sviluppatori coreani di Smilegate, gli autori della serie di sparatutto Crossfire.

that's no moon

Nasce That’s No Moon Entertainment: le parole degli sviluppatori

“Abbiamo dato vita a That’s No Moon partendo da una visione comune e unica, ossia di creare storie e personaggi indimenticabili, e che possano definire il nostro medium ed espandersi oltre esso. Sono orgoglioso di condividere quest’ambizione con un team così talentuoso di creatori, e i nostri incredibili partner di Smilegate”

Tra i nomi coinvolti ci sono Taylor Kurosaki, ex narrative design lead di Naughty Dog e studio narrative director di Infinity Ward; Jacob Minkoff, ex game designer di The Last of Us. Loro due saranno i principali responsabili del primo videogioco prodotto dallo studio. Inoltre, fanno parte dell’azienda Tina Kowalewski, executive vp di Giant Squid ed ex membro di Sony Santa Monica; Nick Kononelos, ex senior development director di EA; Barry Genova, ex ingegnere di Bungie; George Allison, ex financial officer per PlayStation.

Insomma un team con nomi davvero di una certa esperienza, che speriamo possano scrivere una bella pagina della storia dei videogiochi. That’s No Moon Entertainment sarà operativa a Los Angeles e San Diego.

(Fonte: The Hollywood Reporter)

Leggi anche:

Diplomato al liceo classico e all'istituto alberghiero, giusto per non farsi mancare niente, Gabriele gioca ai videogiochi da quando Pac-Man era ancora single, e inizia a scriverne poco dopo. Si muove perfettamente a suo agio, nonostante l'imponente mole, anche in campi come serie TV, cinema, libri e musica, e collabora con importanti siti del settore. Mangia schifezze che lo fanno ingrassare, odia il caldo, ama girare per centri commerciali, secondo alcuni è in realtà il mostro di Stranger Things. Lui non conferma né smentisce. Ha un'inspiegabile simpatia per la Sampdoria.