Elizabeth Olsen parla della sua Scarlet Witch e di WandaVision

In una recente intervista con ELLE, Elizabeth Olsen ha avuto modo di parlare di WandaVision e del personaggio che ormai interpreta da diversi anni, Scarlet Witch.

Stando a quanto dichiarato dalla Olsen, non sono stati i poteri di Wanda Maximoff o il suo ruolo nel Marvel Cinematic Universe ad intrigarla ai tempi di Avengers: Age of Ultron, ma piuttosto la sua personalità e la battaglia interna combattuta per la propria salute mentale.

“[Joss Whedon” mi disse che Wanda Maximoff è sempre stata un simbolo delle difficoltà che si possono avere quando si parla di salute mentale, dal dolore, alla depressione, alle esperienze traumatiche, fino ad arrivare alla completa alterazione della realtà vista nei fumetti. Non era potente solo grazie alle proprie abilità, ma anche grazie alle proprie emozioni.”

wandavision elizabeth olsen

A distanza di 7 anni da quando indossò per la prima volta i panni del personaggio – che apparve nella scena dopo i titoli di coda di Captain America: The Winter Soldier – è ormai difficile immaginare una Scarlet Witch in carne e ossa senza pensare alla Olsen e la stessa attrice dichiara di sentirsi ancora di più a suo agio nel ruolo:

“Lavoro da soli 10 anni, ma inizio a percepire una sensazione di conforto, nonostante WandaVision sia la cosa più lontana possibile dall’essere confortevole, secondo me. È intimidatorio. Il personaggio è completamente differente.”

Giunto ormai al terzo episodio, lo show targato Marvel disponibile su Disney Plus, ha dato ufficialmente il via alla Fase Quattro del Marvel Cinematic Universe, presentandosi, tuttavia, in una maniera decisamente particolare.

“Il perché si presenta come una sitcom sarà spiegato più avanti” dichiara l’attrice, aggiungendo che “quando Kevin [Feige] me lo ha spiegato, non sembrava una cosa bizzarra, ma piuttosto un modo grandioso di iniziare la nostra storia.

Lo show è una sorta di tabula rasa. Il viaggio di Wanda e Visione finora è stato caratterizzato da un amore puro, innocente e da una connessione profonda con l’altra persona. Al tempo stesso è stato molto traumatizzante. La tragedia ha sempre fatto parte della loro storia e, nella serie, abbiamo provato a partire da zero con un nuovo inizio.”

Le domande che si pongono i fan sono molteplici, e tra queste troviamo anche una delle più quotate: chi è il villain della serie? Una domanda alla quale risponde la stessa attrice.

“Qualcuno mi ha detto che quando guardi questi film sui supereroi, riesci a capire quando il villain sta per fare la propria comparsa e sei anche in grado di farti un’idea sulla sua identità.

Nel nostro show, non sai chi sia il villain, né se effettivamente ce ne sia uno.”

Insomma, le sorprese per i fan di Scarlet Witch e Visione sembrerebbero non essere finite e, in attesa di scoprirle, vi lasciamo la nostra recensione dei primi due episodi e il nostro speciale dedicato al particolare legame che unisce così profondamente i due personaggi di casa Marvel.

Fonte: CB

Romano di nascita, nerd per passione, amante di Final Fantasy, di Batman e dei Cavalieri dello Zodiaco. Parla poco ma ascolta e osserva molto, sente un’affinità smodata con i lupi e spera di rincarnarsi in uno di loro. Cede spesso alle tentazioni della rabbia con picchi che creano terremoti in Cina per l’Effetto Farfalla e odia la piega che sta prendendo l’Universo-Videoludico negli ultimi anni.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui