Molestie sessuali: la risposta di Ellen DeGeneres

A più di un mese dalla diffusione delle accuse di molestie sessuali nel suo Show, Ellen DeGeneres è tornata a parlare dell’ambiente di lavoro sul set.

Come ricorderete il celebre talk show condotto dalla comica e conduttrice televisiva era stato oggetto di pesanti attacchi da parte degli ex impiegati. Molti di loro avevanoraccontato di aver subito molestie sessuali in ambiente di lavoro definito tossico.

Oggetto della maggior parte delle accuse sarebbe stato il principale autore e produttore esecutivo Kevin Leman. La sua condotta era stata definita inappropriata, complici vere e proprie molestie sessuali ai danni di diversi impiegati ed ex impiegati dello show.

Quello di Leman era il caso più lampante. Ma erano ben 36 gli ex dipendenti dell’Ellen DeGeneres show ad aver denunciato episodi di molestie sessuali. Qualcosa che, ovviamente, li avrebbe spinti a lasciare lo show.

ellen show molestie sessuali

Ora Ellen è tornata a parlare della situazione venutasi a creare nel suo show. Negando, tuttavia, di essere a conoscenza della tossicità dell’ambiente di lavoro sul suo set. Nonostante questo non ha voluto negare la sua responsabilità all’interno degli avvenimenti.

“Sono venuta a conoscenza di cose che non sarebbero mai dovute accadere. Prendo molto seriamente quanto avvenuto e voglio dire che sono sinceramente dispiaciuta per le persone che ne sono state colpite. So di essere in una posizione di privilegio e potere e con ciò viene la responsabilità. Perciò mi assumo la responsabilità di ciò che è accaduto nel mio spettacolo “.

“Abbiamo avuto molte conversazioni nelle ultime settimane sullo spettacolo, sul posto di lavoro e su ciò che vogliamo per il futuro. Abbiamo apportato le modifiche necessarie e oggi stiamo iniziando un nuovo capitolo” ha continuato la conduttrice.

Ovviamente Leman è stato rimosso dalla sua posizione e, con lui, anche Ed Glavin. Al loro posto, in qualità di produttori esecutivi, si trovano ora Jonathan Norman e Stephen “tWitch” Boss.

(fonte: Variety)

 

No more articles