Per rinnovare l’accordo in scadenza a fine 2022, la FIFA, massimo organismo calcistico mondiale, ha chiesto a EA 1 miliardo di dollari per un contratto quadriennale: cambio nome sempre più probabile

Tiene sempre più banco il caso FIFA – EA Sports. Come vi abbiamo raccontato in queste settimane, dopo il cambio nome da parte di Konami, che ha abbandonato il marchio PES in favore del nuovo franchise eFootball, anche il gioco di calcio di EA Sports potrebbe presto avere un nuovo nome, anche se per motivi diversi.

L’accordo con FIFA per l’utilizzo del nome del gioco infatti, scadrà alla fine del 2022, e i vertici di EA Sports hanno già fatto sapere nei giorni scorsi, attraverso un comunicato stampa, di star considerando di non rinnovarlo e di cambiare dunque nome al gioco. La licenza FIFA infatti è troppo costosa, e rinunciarvi significa risparmiare una cospicua quantità di denaro.

E “cospicua” forse è anche un eufemismo, perché stando a quanto riportato, FIFA avrebbe chiesto più del doppio della cifra attualmente pattuita per rinnovare gli accordi per l’utilizzo della licenza per altri quattro anni: si parla di 1 miliardo di dollari, quindi 250 milioni di dollari l’anno.

fifa cambio nome

Logico dunque che EA si sia presa del tempo per riflettere, e pare che si stia andando sempre di più verso la rottura, tant’è che già nei giorni scorsi sono emersi i primi brevetti depositati dalla software house per il nuovo nome del gioco, che potrebbe chiamarsi EA Sports FC.

Se davvero si andasse alla rottura e l’accordo tra EA e FIFA non dovesse essere rinnovato, quali sarebbero le conseguenze per il gioco di calcio? Per il momento è presto per dirlo, anche perché potrebbe cambiare tutto come niente. L’accordo per il nome del gioco infatti, stando a quanto riportato nei giorni scorsi, è indipendente rispetto a tutte le altre licenze ottenute da EA Sports, per cui i giocatori e i nomi veri attualmente utilizzati nel gioco non dovrebbero andare perduti.

Probabilmente con un eventuale addio a FIFA, EA perderebbe la possibilità di utilizzare il logo il nome ufficiale dei campionati del mondo di calcio. La licenza FIFA e i mondiali potrebbero a quel punto trovare un altro acquirente, oppure EA potrebbe tentare un accordo al ribasso, magari rinunciando all’esclusività del nome. Insomma, tutti gli scenari sono aperti al momento.

Voi che ne pensate della situazione?

(Fonte: Game Spot)

Diplomato al liceo classico e all'istituto alberghiero, giusto per non farsi mancare niente, Gabriele gioca ai videogiochi da quando Pac-Man era ancora single, e inizia a scriverne poco dopo. Si muove perfettamente a suo agio, nonostante l'imponente mole, anche in campi come serie TV, cinema, libri e musica, e collabora con importanti siti del settore. Mangia schifezze che lo fanno ingrassare, odia il caldo, ama girare per centri commerciali, secondo alcuni è in realtà il mostro di Stranger Things. Lui non conferma né smentisce. Ha un'inspiegabile simpatia per la Sampdoria.